Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Appunti dal seminario introduttivo alla Bhagavad Gita’ Category

Ci sono un paio di domande che le persone più sensibili prima o poi devono porsi:
1. Perché uno nasce povero e un’altro ricco, uno sano e un’altro malato, cos’è la fortuna?
2. Il caso esiste o c’è un ordine che fa accadere quel che accade, compreso l’olocausto di intere popolazioni come gli ebrei europei e gli indiani d’America?
Chi abbia qualche ricordo della straordinaria complessità della fotosintesi clorofilliana, di quel fotone che fa decadere un elettrone (nome che noi diamo ad un’energia che in qualche modo dobbiamo rappresentarci) il quale innesca una complicata serie di processi alla fine dei quali da anidride carbonica, acqua e luce ne deriva glucosio e ossigeno: ogni giorno sul nostro pianeta la vita come noi la conosciamo prende il via da un’inconcepibile quantità di energia che, grazie al sole, si mette in moto. blog marco ferrini matsyavatara das
C’è qualcosa nell’universo che non abbia origine da una causa?
Dopo migliaia di anni d’indagine, oggi noi possiamo spiegare una parte infinitamente piccola della complessità che ci circonda e più scopriamo del mondo naturale, più aumenta la complessità da fronteggiare, ma sempre intravediamo una sequenza causa-effetto.
L’ultimo mito della contemporaneità è stato il codice genetico che negli anni novanta sembrava poter spiegare ogni cosa su questo pianeta e anche oltre. Non era come si pensava, come sempre la scienza, ma direi più in generale l’umanità, ha sempre cercato di spiegarsi il mondo nella relazione causa-effetto.
Eppure ci sono cose che non riusciamo a far rientrare in questo schema, come le domande iniziali.
La logica però mi dice che se tutto è regolato dal principio di causa-effetto, perché mai la nascita di un essere vivente, uomo o animale che sia, dovrebbe essere affidata a … a cosa? Al capriccio di una certa quantità di cromosomi? Al caso? Alla fortuna/sfortuna? O al volere di una Divinità? (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Siamo ormai a meno di un mese dal quarto appuntamento col Mahabharata, a Volterra, tra Pisa e Siena. Son qui a chiedermi quali emozioni mi suscitò l’ultimo seminario e … ricordate la canzone di Franco Battiato? La mia impressione è che Marco Ferrini nel seminario di primavera abbia parlato proprio di questo: ci sono leggi che regolano l’universo e l’amore è la legge suprema.BattiatoAscolta la canzone di Battiato-Consoli
Ma quanti fraintesi su questa parola di cinque lettere!
L’ultima lettura del Mahabharata fatta dal Maestro, attraverso la storia del re Jajati, ci ha fatto riflettere sulla morte e sul dharma. La morte come ultima di un’infinita quantità di prove propedeutiche, innumerevoli morti che l’essere umano deve affrontare da vivo: morte di relazioni, di convinzioni, di illusioni, morti necessarie per far spazio a successive rinascite, a quell’evoluzione della coscienza che altrimenti non potrebbe darsi. Non sempre ciò che ri-nasce è migliore di quello che muore, non è una questione di migliore o peggiore, (altro…)

Read Full Post »

Ora che siamo agli ultimi versi, mi chiedo da dove provenga la mia difficoltà ad entrare nel cuore di quest’opera. Marco Ferrini ne ha sistematicamente commentato ogni parola alla luce della tradizione vaisnava e pur non avendo perso neanche un minuto dei suoi svariati seminari, krishna-christsento che la mia comprensione è puntiforme, come se avesse aperto degli squarci su un panorama che però non mi appare nella sua interezza, quasi la mia mente non riuscisse a tenere insieme tutti i pezzi del mosaico. Specialmente con quest’ultimo XVIII capitolo, mi son trovato di fronte ad affermazioni che non son capace di assimilare.
Mi sono dato due ordini di spiegazioni.
La prima di carattere emotivo-devozionale che comprende la mia imperfetta sadana, un certo isolamento dal sanga con persone di alto livello spirituale e soprattutto un’incapacità ad entrare nella profondità di quella devozione che trasforma il semplice seguace in un devoto.
Qui non può agire che un rafforzamento del desiderio, immagino. (altro…)

Read Full Post »

La lezione è incentrata sulle categorie di spiritualità e religione, intese come due modalità complementari e necessarie per la conoscenza e lo sviluppo nell’uomo delle caratteristiche divine. Con una panoramica a trecentosessanta gradi sulla BG, Marco Ferrini, partendo dalla mitologia religiosa, illumina sul senso del libero arbitrio di cui tutte le tradizioni danno conto come di una facoltà tipicamente umana che permette di scegliere da che parte stare. (altro…)

Read Full Post »

Alcune domande hanno permesso dei chiarimenti precisi. La prima, sull’alimentazione, ribadisce il fondamentale concetto che la logica della spiritualità vede il mondo ribaltato, quindi i voti intesi come libera rinuncia al godimento dei sensi, lungi da essere una costrizione, sono “investimenti in libertà”, sono gli strumenti che liberano la persona dai condizionamenti della materia pesante: sesso, alimentazione e affermazione proprio ego-difesa.

Viene altresì precisato che nella società contemporanea i varna (colori) non possono non continuare ad esistere, basta saper vedere, ma le persone sono così “scollegate” da ritam che nella stragrande maggioranza dei casi, pur operando in ruoli diversi, si collocano sotto il livello degli Shudra, i quali “sentivano” di appartenere ad un sistema di valori che comunque accettavano come legittimo. L’uomo contemporaneo vive di miti materialisti pensando che siano realtà oggettiva, la confusione è tale che la realizzazione spirituale, obiettivo primo del varna-ashram-dharma, non è percepita neanche all’orizzonte, i contemporanei vivono tutto nell’immanente e quando provano a porsi delle domande le risposte che cercano sono quelle che soddisfano il loro ego: un vero e proprio circolo vizioso. (altro…)

Read Full Post »

La quarta lezione è dedicata alla descrizione dei quattro varna, letteralmente “colori”, ovvero le grandi categorie sociali in cui sono divisi gli uomini secondo una partizione che deriverebbe da Dio stesso.
Bisogna premettere che gli ordini sociali nella Bhavagad Gita sono non casualmente legati alle quattro fasi della vita individuale ed il tutto è posto sotto l’ègida del dharma, l’ordine che tutto presiede, infatti si parla generalmente del “sistema” del varna-ashram-dharma come di una particolare organizzazione della vita privata e sociale finalizzata al dharma, alla realizzazione dell’ordine universale.
Rispetto all’occidente classico e medioevale, il pensiero classico indiano possiede però un formidabile concetto che legittima in modo radicale l’appartenenza degli individui ai rispettivi “colori”, il karma. La ragione per la quale un individuo nasce in una certa famiglia e con certe caratteristiche psico-fisiche non deriva qui dall’incomprensibile, quanto apparentemente arbitraria volontà divina, ma dall’insondabile legge del karma, della quale gli uomini possono capire il principio ma non i particolari. (altro…)

Read Full Post »

Marco Ferrini affronta in questa terza lezione il tema dei guna, le tre forze/tendenze della Natura che, presenti in ogni creatura, irretiscono anche l’essere umano e, se non conosciute e regolate, possono condurre l’uomo ad un’esistenza completamente inconsapevole e condizionata.
Vi sono alcune affermazioni che devono far riflettere, poiché talvolta appaiono antitetiche all’idea di libertà come tradizionalmente viene percepita nei nostri tempi. E forse lo sono davvero.
Le tendenze coatte presenti nella materia (sorda a rispondere, dice Dante) sono imprescindibili sia per gli esseri viventi che per la materia inanimata (a questo proposito rinvio a Paradiso I, 113-117), in questa gerarchia l’essere umano possiede però una marcia in più, egli in molte tradizioni è simile a Dio proprio per la capacità che ha di discernere la luce dalle tenebre, la scintilla divina di cui spesso si parla è quel libero arbitrio che permette all’uomo di scegliere a quale tendenza abbandonarsi.
La libertà però comporta responsabilità e ciò determina, solo per l’uomo, l’evoluzione o il degrado, cose che gli altri esseri non conoscono in quanto si adeguano automaticamente all’istinto, o alla reazione nel caso della materia inanimata. (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »